COMPANY UN FILM DI R.G. VARMA Recensione di Sunil Deepak (2003)

Company è un film di R. G. Varma, o Ramu come lo chiamano le riviste indiane, un regista e produttore di film, il quale ha sconvolto le regole del cinema di Bollywood negli ultimi 6-7 anni. Lui rifiuta di seguire la formula dei film - un po' di dramma, un po' di commedia, un po' di danze, un po' di musica, ecc. Invece, fa ogni suo film è così diverso che non sai cosa aspettarti.

Company è uscito nel 2001 ed è ambientato nel mondo della mafia indiana nella città di Mumbai (Bombay). Non è la prima volta che Ramu affronta la mafia indiana, già in un altro film, Satya (Verità) aveva toccato questo tema, ma in Satya era il mondo dei piccoli operatori, quelli che sparano o ricattano per conto dei grandi boss. Company, invece riguarda il mondo dei boss.

Trama: Aslambhai è un don mafioso e Mallik (Ajay Devgan) il suo braccio destro. Mallik incontra il giovane Chandu (Vivek Oberoi) una vera testa calda, il quale vuole entrare nel mondo della malavita. Mallik rimane ben impressionato dal ragazzo e lo accetta nel proprio gruppo. Ganga bai (Seema Biswas), la madre di Chandu sa del coinvolgimento del figlio nella malavita, ma è contenta dei soldi che arrivano in casa. Aslambhai è invecchiato e con l'aiuto di Chandu, Mallik lo costringe a lasciare il controllo delle operazioni e così Mallik diventa il nuovo don. Alcuni altri uomini che lavorano per Aslambhai non ne sono contenti e Mallik li elimina uno alla volta. Per vendetta, uno di loro tenta di far ammazzare Mallik, il quale è salvato da Chandu. Mallik si scatena facendo strage di suoi avversari. Il crescente rapporto di fiducia tra il don e il nuovo arrivato, Chandu, crea gelosie negli altri uomini che lavorano con Mallik da più anni. La vendetta di Mallik lascia tanti morti sulle strade e il commissario di polizia Srinivasan (Mohan Lal) è sulle loro tracce, costringendoli a lasciare l'India e a trasferire la base a Hong Kong.

La natura delle operazioni dei don cambia, i quali entrano nel business delle costruzioni e film e guidano tutte le attività a Bombay tramite il telefono. Chandu diventa sempre più importante e Pandit (Akash Khurana), un vecchio contabile del gruppo suggerisce a Mallik di dividere il potere con altri uomini e non lasciare tutto nelle mani di Chandu. Mallik accetta questo suggerimento. All'inizio, Chandu ne rimane sorpreso, ma non se la prende con Mallik.

Il gruppo riceve l'incarico di eliminare un ministro e il lavoro viene affidato a Chandu, il quale deve organizzare un incidente per l'assassinio. All'ultimo minuto, Chandu scopre che il ministro non è da solo ma è accompagnato da due bambini, lui decide di annullare l'operazione, ma Mallik decide di andare avanti con l'assassinio. Chandu è arrabbiato e litiga con Mallik, minacciandogli di lasciare il gruppo. Yadav, uno degli uomini di Mallik propone di uccidere Chandu, e Saroja (Manisha Koirala), la donna di Mallik, affezionata a Chandu e sua moglie, Kanu (Antara Mali), interviene nelle discussioni, ma Mallik la zittisce e le chiede di andare via in un'altra camera. Saroja telefona a Kanu e le chiede di scappare con il marito perché gli uomini di Mallik arriveranno per ucciderli.

Pandit, il vecchio contabile sostiene che Chandu è soltanto una testa calda e non voleva ribellarsi al capo, e offre di fare da mediatore per portare indietro Chandu. Chandu torna a casa e sua moglie gli racconta della telefonata di Saroja. Nel frattempo arriva Pandit e Chandu pensando che è venuto per ucciderli, lo uccide e scappa con la moglie in Kenya. Ormai, è una faida tra i due clan - quella di Mallik e quella di Chandu e questa faida tra i due culmina in tanti altri morti dalle due parti. Gli uomini di Mallik trovano Chandu in Kenya e gli sparano ma lui riesce a scappare.

Kanu, la moglie di Chandu va da Mallik per chiedere perdono per suo marito, ma l'incontro finisce in tragedia. Quando Mallik rifiuta di perdonare Chandu, Kanu prende la pistola - rimane ferita Saroja e la guardia di Mallik uccide Kanu. Chandu diventa informatore della polizia. Mallik impara da Saroja la verità dietro il malinteso creatosi con Chandu e vuole pacificare con lui. Tramite la madre di Chandu, Mallik manda il messaggio a Chandu e gli chiede scusa per l'uccisione di Kanu. Ma, ormai è troppo tardi e fuori dall'ospedale, un amico di Chandu uccide Mallik. Chandu finisce la sua vita nella prigione.

Commenti: Il film è girato in modo realistico e gli eventi si seguono con una velocità che non lascia molto tempo per pensare. I due protagonisti maschili principali, Ajay Devgan e Vivek Oberoi sono molto bravi, sopratutto Ajay con i suoi sguardi pieni di significati. Il ruolo del commissario di polizia Srinivasan, è del attore Mohan Lal del cinema malayalam di Kerala e anche lui è molto efficace.

Le 4 donne - la moglie del vecchio don, Aslambhai; Saroja, la donna di Mallik; Ganga bai madre di Chandu e Kanu, la moglie di Chandu, hanno piccoli ruoli ma sono importanti. Tutti le quattro sanno la verità sui loro uomini, ma sembrano contente delle ricchezze e del potere che la malavita le offre e non sollevano questioni morali. Soltanto quando la morte tocca la loro vita, sembrano svegliarsi ma sono preoccupate solo per questioni personali.

Sono Mallik e Saroja, le due figure enigmatiche del film, sono tutte due persone sensibili e consapevoli, ma allo stesso tempo senza i dubbi morali sulle proprie azioni. Anzi, Mallik è un assassino spietato senza scrupoli e allo stesso momento, amante e boss premuroso per la propria donna e gli uomini che lavorano per lui.

Ajay Devgan ha vinto il premio come migliore attore per questo film e Vivek Oberoi, apparso in questo film per la prima volta, è diventato uno dei giovani attori più popolari del cinema di Bombay.

La musica del film richiede una menzione speciale. La canzone martellante, Ganda hai par dhandha hai sab (Tutto puzza ma è il nostro lavoro) in alcuni momenti chiavi del film e la musica di sottofondo sono molto efficaci.

Tutti gli altri attori del film, tra questi Vijay Raj e Raj Pal Yadav, sono molto bravi e aiutano a rendere il film molto credibile. E' sicuramente uno dei migliori film di Ram Gopal Varma e del cinema di Bombay del 2003.

***

Vedi la lista completa degli articoli sul mondo di Bollywood.