La Paura nel Cuore Fanaa, India, 2006 Sunil Deepak, 14 agosto 2009

La paura nel cuore è il prossimo e forse, ultimo film del ciclo “Amori Con ... Turbanti 2009”. Per capire lo spirito di questo film, è importante capire il significato del titolo originale del film, “Fanaa”. E’ una parola di origine persiana e significa perdersi completamente dentro di qualcuno o qualcosa fino a perdere la propria identità o la propria vita. Nelle poesie, si parla spesso di "Fanaa" come amore simile a quello dei Parwana ( moscerini) per la fiamma, attratti dalla fiamma, si lasciano bruciare.

 

La paura nel cuore è la storia d’amore di un terrorista, e il film, anche se resta dentro i limiti del cinema popolare di Bollywood, presenta un ritratto un po’ più complesso di un terrorista, di come lo si vede nei film americani. Terrorista senza cuore che può uccidere uomini, donne e bambini senza alcun rimorso, può essere incapace di far male al proprio figlio o la propria ragazza.

Il film è stato girato sullo sfondo della “guerra di liberazione” del Kashmir da parte dei gruppi islamici, e presenta anche l’altro lato dell’islam. Kashmir è la terra dell’islam sufi, un islam sviluppato lungo centinaia di anni nelle alte montagne che è una religione gentile e aperta, lontano dall’islam austero e rigido dei talibani o dei wahebiti.

La paura nel cuore è il primo film insieme per i due attori – Aamir Khan e Kajol, entrambi famosi per lavorare in pochi film.

Consiglio due canzoni da questo film che potrete vedere su Youtube:

(1) La prima canzone si chiama Chand sifaarish chaand sifarish jo karta hamari deta woh tumko bata (Se la luna poteva intercedere per me, ti avrebbe raccontato) sharm-o-haya pe parde gira ke karni hain hamko khata (Voglio andare oltre questo tuo velo di timidezza per avvicinarti). Guarda questa canzone su Youtube.

Questa canzone che presenta il primo incontro tra Zooni (Kajol) e Rehan (Aamir) è stata girata tra due monumenti famosi di Delhi – il Qutab Minaar, una torre del tredicesimo secolo alla periferia sud della città e le tombe del quindicesimo secolo nei giardini di Lodhi in centro di Delhi.

(2) La seconda canzone si chiama “Dekho na” (Guarda): yeh saajish hain boondon ki koi khwaahish hain chup chup si yeh saajish hain boondon ki koi khwaahish hain chup chup si (E’ una cospirazione della pioggia, è un desiderio silenzioso) dekho na dekho na dekho na dekho na (Guarda guarda) hawa kuchh haule haule zubaan se kya kuchh bole (Piano piano, il vento sussurra e che cosa dice?) kyon duuri hain ab darmayaan (Perché vi sono queste distanze?) dekho na dekho na dekho na dekho na (Guarda, guarda). Guarda questa canzone su Youtube.

***

L'indice completo degli articoli sul ciclo Amori Con .. Turbanti e sul mondo di Bollywood.