YUVA (GIOVANI) Un Film di Mani Ratnam di Sunil Deepak (2004)

Mani Ratnam è un regista conosciuto sopratutto per i suoi film nella lingua Tamil. Ha girato pochi film in Hindi, ma nonostante questo è considerato uno dei nuovi registi più promettenti dell'India per la sua scelta di tematiche inusuali rispetto alle comuni storie di Bollywood.

Yuva (I giovani), è il terzo film in lingua Hindi di Mani Ratnam, con gli attori di Bollywood. Il suo primo film, Roja, era sulla ricerca di una donna per liberare suo marito, prigioniero dei fondamentalisti islamici nello stato del Kashmir. Il suo secondo film Dil se (Col cuore) era la tormentata storia d'amore tra un giornalista e una ragazza terrorista/indipendentista nel nord est dell'India. Il terzo film invece riguarda la delusione dei giovani indiani per tematiche come la politica e la dilagante corruzione.

Il momento della sparatoria

L'inizio del film: La prima parte del film racconta la storia di un attivo, quando le vite di tre persone si intrecciano per un momento. Il film inizia con un ragazzo, Michael (Ajay Devgan), con la sua ragazza, Radhika (Esha Deol), su una moto. Lui fa scendere la ragazza e la saluta. Intanto da un autobus scende una ragazza, Mira (Kareena Kapoor), seguita da un ragazzo, Arjun (Vivek Oberoi), che le chiede di fermarsi e le dice che l'ama. Mira non si ferma, prende un taxi e parte. Arjun fa fermare la moto di Michael e gli chiede di aiutarlo per fermare il taxi. Dietro di Michael, dentro una machina vi sono due uomini, Lallan (Abhishekh Bacchan) e l'autista, Doublu (Vijay Raj).

Michael ferma la sua moto davanti al taxi di Mira su di un ponte e lo fa fermare. Arjun fa scendere giù Mira e riprende a professarle il suo amore eterno, e le chiede di sposarlo. Michael si presta a ripartire quando arriva la macchina e dal finestrino Lallan spara con una pistola su Michael. E' il momento della sparatoria che unisce le tre vite - quelle di Michael, Arjun e Lallan.

Questa prima parte, che dura pochi minuti, è molto veloce, senza nessuna introduzione ai personaggi per capire chi sono o cosa sta succedendo. A questo punto il film cambia ritmo - raccontando le tre storie di questi protagonisti, le storie che li hanno portati su quel ponte.

Inizia la storia di Lallan - un ragazzo dello stato di Bihar, arrivato a Calcutta, è un piccolo criminale. Ama Sashi (Rani Mukherjee), una ragazza bengalese. Sashi lascia la casa dei genitori per venire a vivere con Lallan. Lei lo ama ma sa che è un criminale e spera di cambiarlo. Lallan è un ragazzo semplice, innamorato della moglie, piange nelle scene sentimentali di un film, ma ha scatti di rabbia incontrollabili pieni di violenza e vuole soldi e potere a tutti i costi. Anche Sashi diventa spesso vittima della sua violenza, anche se dopo, immancabilmente, Lallan va a chiederle scusa e a farsi perdonare. Sashi scopre di essere in cinta di un bambino mentre Lallan inizia a lavorare con suo fratello, lo scagnozzo di un politico corrotto e potente, Prasanjit (Om Puri). Sashi scopre una pistola tra le cose di Lallan, e quando litiga con suo marito viene picchiata. Lallan parte con il suo amico Doublu perchè ha avuto l'incarico di ammazzare Michael, il giovane leader degli studenti universitari i quali stanno facendo la campagna per una politica più pulita. Vogliono sensibilizzare le comunità per avere persone riconosciute e oneste come candidati per le elezioni... diventando una minaccia per il vecchio politico. Seguono la moto di Michael ma devono aspettare perché lui è accompagnato dalla sua ragazza. Alla fine, sul ponte trovano Michael da solo e Lallan gli spara.

La storia di Michael è la più semplice. E' il Figlio di un sindacalista e pieno di idealismo, è un bravo oratore e leader riconosciuto di tutti gli studenti. Lui sogna una rivoluzione e vuole cambiare il volto della politica. Radhika, la nipote del medico e amico di famiglia di Michael, lo ama, suo zio non vede Michael come un buon marito per lei. E' troppo idealista per lui. Radhika insegna francese al centro culturale francese di Calcutta. Quella mattina, Michael l'accompagna al lavoro sulla sua moto e durante il viaggio, lei lo informa che suo zio ha identificato un possibile marito per lei. Lui le propone di venire a vivere a casa sua. Ha appena salutato Radhika quando la sua moto viene fermata da un ragazzo il quale chiede il suo aiuto per seguire un taxi. Dopo aver fermato il taxi Michael vuole tornare indietro quando lo raggiungono le pallottole sparate dalla pistola di Lallan.

La storia di Arjun - il terzo protagonista è un ragazzo con le idee chiare - vuole godersi la vita. Suo padre, un ufficiale governativo spera che Arjun seguirà le sue orme diventando così un ufficiale pubblico. Anche Arjun gli fa credere che sarà così, ma ha altre intenzioni, vuole andare via in America perché secondo lui la vera vita sta solo in America. Non vuole complicazioni sentimentali, nessun impegno, nessun idealismo. Mentre aspetta il visto per l'America, in una discoteca Arjun incontra Mira e rimane affascinato. La perseguita e vuole uscire con lei. Lei gli spiega che fra qualche settimana dovrà sposarsi con un ragazzo scelto dalla famiglia.. e questo va bene per lui, perché lui vuole soltanto divertirsi un po' prima di andare via dall'India. Dopo alcuni incontri, Arjun si sente troppo attratto da Mira. Quella mattina, Mira lo informa che ormai lei deve lasciare Calcutta per andare a casa propria a Kanpur, dove dovrà sposarsi. Arjun non vuole che lei vada via, dichiara che ne è innamorato e vuole sposarla e andare via in America con lei ma lei non vuole fermarsi e prende un taxi. Arjun chiede aiuto ad un uomo che sta passando di li su una moto per seguire il taxi. L'uomo accetta e cosi si ritrova sul ponte, davanti a Mira, per cercare di convincerla a sposarlo... quando sente gli spari e vede l'uomo che gli aveva dato passaggio, cadere giù dal ponte nel fiume.

Dopo la sparatoria

Impulsivamente Arjun salta nel fiume per tirare fuori Michael e lo accompagna all'ospedale. Non sa di aver salvato un personaggio molto popolare tra gli studenti e all'improvviso diventa un eroe degli studenti anche lui. L'esperienza ha creato un legame tra loro due e Arjun torna regolarmente in ospedale per vedere se Michael sta bene. Così un giorno vede Lallan nell'ospedale e lo segue - Lallan lo attira in una trappola e cerca di ucciderlo. L'arrivo di un'infermiere salva la vita di Arjun. Mira viene a salutare Arjun, ha deciso di tornare a casa perché ormai è troppo tardi per rifiutare il matrimonio fissato dalla famiglia. L'idealismo e la sicurezza di Michael attirano Arjun, riempiendo un vuoto che lui ha sempre avuto. Michael sta meglio e parla con gli altri studenti - secondo lui, gli studenti devono candidarsi alle elezioni se vogliono cambiare il volto della politica. Altri studenti non ne sono convinti, ma Arjun accetta la sfida e si mette insieme a Michael.

Dopo la sparatoria, Lallan si nasconde e non torna a casa per diverse settimane. Preoccupata, Sashi va in giro e da suo fratello per cercarlo ma senza riuscirci. Un giorno quando torna a casa trova Lallan seduto sul tavolo. Sashi è dimagrita, pallida e si mette sul letto. La moglie di Doublu informa Lallan che Sashi ha abortito il figlio. Angosciato e arrabbiato Lallan non vuole credere che Sashi abbia potuto fare una cosa del genere. "Tu hai ammazzato un uomo e così ho abortito il tuo figlio", gli dice Sashi. "Ma quel uomo non è morto", le informa Lallan. Secondo Sashi, la sopravvivenza di Michael è un segnale divino - Lallan deve cambiare vita, loro devono tornare in villaggio e vivere da persone oneste. Lallan le promette che cambierà, che tornerà nel villaggio con lei.

Intanto il volto di Lallan è riconosciuto da Michael e questo può essere pericoloso per il vecchio politico. Il fratello di Lallan lo invita ad un incontro e gli consiglia di lasciare Calcutta ma in uno scatto di rabbia Lallan uccide suo fratello. Sashi aspetta il marito alla stazione e alla fine parte da sola per andare al villaggio, mentre Lallan torna di nuovo dal vecchio politico... lui ha troppa sete di potere e di soldi, non vuole andare via da Calcutta e lasciare la malavita.

Lallan riceve l'incarico dal politico di rapire Michael e i suoi compagni, candidati alle elezioni perché i sondaggi dicono che vinceranno gli studenti e il vecchio politico è preoccupato. Doublu, stanco delle violenze e preoccupato per il suo amico gli consiglia di tornare da sua moglie al villaggio ma Lallan ormai non vuole sentire nessuno. Doublu fa scappare i tre ragazzi rapiti e Lallan uccide l'amico, prima di correre per inseguire i tre ragazzi. Arjun correndo torna sul ponte dove tutto era iniziato, inseguito da Lallan. Arriva Michael. Dopo una lotta tra i tre, Lallan è catturato dalla polizia e finisce in prigione. Michael e Arjun vincono le elezioni ed entrano in parlamento. Il vecchio politico ride di loro, "Tanti hanno cercato di cambiare il sistema prima di voi, alcuni sono spariti, altri sono diventati miei alleati. Voglio vedere quanto durerete!"

Commenti

Tutti gli attori sono molto bravi, sopratutto Abhishekh Bacchan nel ruolo di Lallan e Rani Mukherjee nel ruolo di sua moglie, Sashi. Nei momenti quando uno dei due è presente sullo schermo, il film diventa interessante. Il personaggio di Arjun è realistico ed è interpretato in maniera adeguata da Vivek Oberoi. Kareena Kapoor nel ruolo di Mira è molto bella e abbastanza brava. Invece delude molto Ajay Devgan nel ruolo di Michael - secondo me, non riesce a trasmettere la passione ideologica che ci si aspettava per rendere il personaggio più credibile. Esha Deol, nel ruolo di Radhika è ok.

I personaggi dei 3 ruoli femminili principali sono tutti positivi. Sashi, innamorata e incapace di fronteggiare la violenza brutale del marito, non è una donna che accetta passivamente, reagisce con i mezzi che ha e tenta di salvare il proprio mondo. Radhika, non esita a litigare con i suoi per poi andare a vivere nella casa del ragazzo che ama, anche senza il matrimonio. Mira, non vuole vivere con un ragazzo che giudica egoista anche se ne è innamorata, ma quando capisce che il ragazzo ha ideali e la forza di realizzarli, decide di non accettare il matrimonio fissato dalla famiglia.

Tanti altri attori in piccoli ruoli - Om Puri (vecchio politico), Vijay Raj (Doublu, amico e complice di Lallan), Anant Nag (padre di Arjun), ecc. sono bravi e rendono il film più credibile. Il punto dolente del film sono le scene di violenza - le lotte interminabili, sopratutto quelle verso la fine. La prima parte del film, guardare e capire il momento della sparatoria tramite tre storie diverse e da diversi punti di vista, è interessante.

Quando finisce il film rimane viva la memoria delle scene di Lallan, i suoi occhi infuocati, il suo amore per Sashi che non basta per salvarlo dall'inferno che lui stesso ha scelto. E' lui l'antieroe senza speranza, il simbolo della rabbia delle persone povere e diseredate, pronte a vendicarsi con la violenza per avere quello che le è stato negato, ma le quali ormai sono così schiave del desiderio dei soldi e di potere che non riescono più a fermarsi dall'autodistruzione. Il film vuole finire con la speranza di un mondo nuovo dove le persone con ideali di giustizia sociale e equità vincono contro i vecchi corrotti, ma lascia una sensazione di amarezza per questa sconfitta di Lallan.

***

L'indice completo degli articoli sul mondo del cinema di Bollywood.